Materials & tech

wood. sun. dry.

Il sistema di costruzione di InnovHousing è a secco, questo significa che non è previsto l'utilizzo di acqua nelle fasi di costruzione, com'è invece indispensabile se i materiali sono quelli tradizionali (cemento e mattoni). Ciò comporta mediamente un uso 2t. d'acqua sottratta per 1 t. di cemento impiegata. L'uso dell'acqua, indispensabile per l'impiego del cemento, inoltre, porta ad una dilatazione dei tempi di costruzione; ogni gettata di calcestruzzo necessita di tempi per la casseratura, per l'armatura e per il processo di indurimento, tempi che la costruzione a secco, annulla.
I materiali impiegati nel sistema InnovHousing sono stati progettati per collaborare insieme. Tale collaborazione avviene sia nell'ambito prestazionale, che nella tecnologia di assemblaggio. A titolo di esempio, i materiali di rivestimento sia interno che esterno al CLT contribuiscono ognuno per le proprie caratteristiche fisiche a formare il valore totale di coibenza fra temperatura interna ed esterna. Nel contempo il processo di ingenierizzazione di ciascun prodotto genera in modo sinergico una facilità ne il montaggio ed una riduzione dei tempi di assemblaggio.




Le lastre in gessofibra sono composte da due soli componenti naturali: gesso e fibre di cellulosa ottenute da carta riciclata selezionata e sminuzzata. Il processo produttivo prevede la miscela di questi due componenti in acqua (senza altri leganti); il gesso miscelato in acqua reagisce (calcinazione) e avvolge le fibre di cellulosa penetrandole




Gli infissi in vetrocamera sono costituiti da vetri doppi o tripli; tra l’uno e l’altro viene posizionato un distanziatore in alluminio e nell’intercapedine che si crea è presente dell’aria. La sua presenza abbassa il livello di trasmittanza termica.




L'isolamento a cappotto (o "cappotto isolante") è una tecnica per la coibentazione termico-acustica delle pareti di un edificio, applicando del materiale isolante sulla superficie delle pareti.




Il CLT è un materiale industriale progettato per avere un impiego strutturale. E' costituito da legno proveniente da piantumazioni programmate, che ha una filiera produttiva corta e un basso consumo energetico nel proprio processo.

Gli elementi attivi



Impianti

Gli elementi attivi sono costituiti da impianti che procurano, in modalità autonoma e tramite il loro esercizio, energia o ulteriore riduzione di consumi energetici come conseguenza della loro installazione



Sistema solare termico

Gli impianti solari termici sono dispositivi che permettono di catturare l'energia solare, immagazzinarla e usarla nelle maniere più svariate in particolare ai fini del riscaldamento dell'acqua corrente in sostituzione delle caldaie alimentate tramite gas naturale.
Il "pannello solare termico" è il dispositivo di base su cui la tecnologia si basa. I collettori sono attraversati da un fluido termovettore incanalato in un circuito solare che lo porterà ad un accumulatore. L'accumulatore ha la funzione di immagazzinare più energia termica possibile al fine di poterla usare successivamente al momento del bisogno. I componenti nel solare termico per il riscaldamento domestico comprendono:
1- collettori per assorbire il calore generato dal sole e passarlo ad un fluido
2- il fluido per il trasferimento del calore che prende il calore dal collettore per usarlo o immagazzinarlo
3- scambiatori di calore per trasferire il calore dal fluido all’acqua domestica della casa
4- pompe per trasferire il fluido attraverso il collettore e/o lo scambiatore
5- sensori per far funzionare le pompe quando c’è disponibilità di calore.
Il principale vantaggio è la riduzione dei consumi collegati all'attivazione di una caldaia o boiler per l'uso dell'acqua calda. Si calcola che l'installazione di un impianto solare termico possa generare (per una famiglia di 4 persone) un risparmio equivalente a ca. 3000 kWh/anno e per ciò che riguarda i vantaggi ambientali si risparmierebbero ca. 2 tonnellate di CO2 emessa.

Sistema fotovoltaico per la produzione di energia elettrica

Un tipico sistema fotovoltaico impiega pannelli solari, ognuno comprendente un numero di celle solari che generano energia elettrica. Il primo passaggio è l’effetto fotoelettrico seguito da un procedimento elettrochimico dove atomi cristallizzati, ionizzati in una serie, generano corrente elettrica.
Uno dei grandi vantaggi del Sud Africa è quello di essere uno dei paesi più soleggiati al mondo, con una media di più di 2.500 ore all’anno. Riuscire a catturare e capitalizzare una tale energia pulita e gratuita potrebbe evitare un enorme spreco energetico che riguarderebbe le presenti e future generazioni.
Le installazioni PV possono essere montate sul terreno, sopra il tetto o su di una parete. Nel nostro caso saranno installate sul tetto, dopo aver controllato l’adeguato e ottimale orientamento. L’inclinazione del tetto sarà anche progettata ad hoc per massimizzare l’efficienza dei pannelli fotovoltaici e per evitare l’ombreggiamento. I pannelli PV di ultima tecnologia sono stati selezionati per un prototipo che si adatti all’integrazione estetica tra la copertura del tetto e lo spessore del pannello PV.
Il principale vantaggio, come per il solare termico, è quello del risparmio energetico e di conseguenza quello della mancata emissione di C02 nell'atmosfera.
In Sud Africa l'irraggiamento medio può garantire una produzione di 1.700 kWk/anno per 1kWh di potenza con un risparmio annuo di ca. US$ 600/anno per 4kWh di potenza installata

Impianto di Illuminazione a led

L'installazione di lampade a Led in sostituzione dei corpi illuminanti a incandescenza porta ad una riduzione dei consumi fra il 65% ed il 70% e ciò significa che circa l’80% dell’energia elettrica è convertita in luce, mentre le lampadine tradizionali funzionano con un’efficienza energetica del 20%, dato che l’80% dell’elettricità si disperde in calore. Per quanto riguarda la durata, la perdita della luminosità dei led è stimata dopo 100mila ore di utilizzo con il mantenimento del 70% dell'emissione luminosa anche dopo 50mila ore.
La differenza di durata rispetto alle lampadine tradizionali è notevole; infatti la vita media di una lampada a filamento è di circa 1000/1500 ore, di una fluorescente circa 6000 ore, mentre per le lampade a scarica la durata si attesta intorno alle 4000 ore.
Le lampade a Led rispettano l’ambiente; infatti non contengono gas nocivi alla salute e sono privi di sostanze tossiche, a differenza di quelle tradizionali, ricche di alogenuri metallici e vapori di sodio.
Le lampade a Led non emettono raggi ultravioletti e quindi non danneggiano i tessuti con una conseguente perdita della brillantezza del colore.

Sistema di riciclo dell’acqua

Il sistema di riciclo dell'acqua in Sud Africa si rivela di fondamentale importanza considerato il basso tasso di piovosità media e l'intensità delle precipitazioni che si accumulano prevalentemente nel periodo invernale. Per poter avere un efficiente sistema di riciclo dell’acqua vengono predisposte due cisterne interrate. La prima raccoglie l’acqua piovana proveniente dalle grondaie, mentre l’altra raccoglie l’acqua piovana proveniente dal suolo.
Quest’ultima utilizza uno spazio più ampio a livello del terreno nel giardino ( di solito 3x3mt) con una griglia di metallo posta sopra uno strato di ghiaia con una cisterna sigillata al disotto. In alcuni casi si può avere un sistema di riciclo per le acque grigie. Con un efficiente sistema di stoccaggio e di filtrazione si è in grado di provvedere adeguatamente alle necessità di base.